logo di stampa italiano
 
Sei in: Overview » Risultati economici e finanziari » Analisi dello Stato Patrimoniale

Analisi dello stato patrimoniale del gruppo

Si evidenzia l’evoluzione dell’andamento del capitale investito netto e delle fonti di finanziamento del Gruppo per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 a confronto con la chiusura dell’esercizio precedente.

Capitale investito e fonti di finanziamento (mln/€)31-dic-09Inc.%31-dic-10Inc%Var. Ass.Var. %
Immobilizzazioni nette3.986,8111,0%4.142,3111,0%155,53,9%
Capitale circolante netto25,80,7%(29,1)-0,8%(54,9)-213,1%
(Fondi)(420,0)-11,7%(382,8)-10,3%37,2-8,9%
Capitale investito netto3.592,5100,0%3.730,4100,0%137,93,8%
Patrimonio netto1.700,747,3%1.870,250,1%169,510,0%
Debiti finanziari a lungo2.143,759,7%2.292,161,4%148,46,9%
Posizione netta a breve(251,9)-7,0%(431,9)-11,6%(180,0)71,4%
Posizione finanziaria netta1.891,852,7%1.860,249,9%(31,6)-1,7%
Totale fonti di finanziamento3.592,5100,0%3.730,4100,0%137,93,8%

Il capitale investito netto nel corso dell’esercizio 2010 si è incrementato del 3,8%, passando da 3.592,5 a 3.730,4 milioni di euro per effetto del consistente piano d’investimenti.

Per quanto riguarda le attività immobilizzate nette, che al 31 dicembre 2010 ammontano a 4.142,3 milioni di euro contro i 3.986,8 del dicembre 2009, si segnala l’incremento delle immobilizzazioni materiali e immateriali.

I fondi alla fine del 2010 risultano paria a 382,8 milioni di euro contro i 420,0 milioni del dicembre 2009. La riduzione è imputabile principalmente agli accantonamenti per imposte differite, parzialmente compensata da un aumento degli accantonamenti per rischi diversi.

Risulta in diminuzione il capitale circolante netto, che passa dai 25,8 milioni di euro al 31 dicembre 2009 ai -29,1 milioni di euro al 31 dicembre 2010. La diminuzione è da mettere in relazione principalmente ai maggiori debiti sia per le imposte di consumo, sia per l’imposta sostitutiva correlata alle operazioni di affrancamento dei maggior valori contabilizzati in sede di conferimento dei beni ex Area Asset, Con.Ami ed Hera Reti Modena.

Il patrimonio netto passa dai 1.700,7 milioni di euro del 2009 ai 1.870,2 milioni di euro del 2010 e risulta in sensibile miglioramento l’incidenza dei debiti sui mezzi propri che passa dal 111,2% del 2009 al 99,5% del 2010.

Di seguito si riporta il prospetto di raccordo tra la situazione civilistica della Capogruppo e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2010

PROSPETTO DI RACCORDO FRA BILANCIO SEPARATO DELLA CAPOGRUPPO E BILANCIO CONSOLIDATO
 RISULTATO NETTOPATRIMONIO NETTO
SALDI COME DA BILANCIO D'ESERCIZIO DELLA  CAPOGRUPPO124.0571.684.519
Dividendi rilevati nell'anno(35.921) 
Valutazione a p. netto di imprese iscritte nel bilancio d'esercizio al costo4.7859.818
Valore di carico delle partecipazioni consolidate (477.329)
Patrimonio netto e risultato d'esercizio delle imprese consolidate74.571484.883
Attribuzione differenze ai beni delle imprese consolidate  
e relativi ammortamenti:  
-    Avviamento da consolidamento 55.018
-    Impianti specifici00
Altre rettifiche per eliminazione effetti operazioni infragruppo(50.274)(29.406)
   
TOTALE117.2181.727.503
Attribuzione quota dei terzi24.836142.720
SALDI COME DA BILANCIO CONSOLIDATO142.0541.870.223