logo di stampa italiano
 

6 Consumi di materie prime e materiali di consumo (al netto della variazione delle rimanenze di materie prime e scorte)

 
 20102009Variazioni
Energia elettrica destinata alla vendita1.212.9621.835.585-622.623
Metano destinato alla vendita e gpl al netto della variazione scorte800.972838.740-37.768
Materiali per la manutenzione: gestione e ricambi al netto delle variazioni delle scorte60.85351.9108.943
Acqua35.50134.2811.220
Prodotti chimici14.31313.931382
Oneri e proventi da valutazione certificati-13.433-21.4137.980
Combustibili, carburanti e lubrificanti13.16411.2811.883
Metano per uso industriale4.0515.175-1.124
Energia elettrica ad uso industriale6.79718.238-11.441
Oneri e proventi da derivati-2.399-17.69215.293
Combustibili gestione calore1.7633.371-1.608
Materiali di consumo e vari5.9264.1601.766
Totale2.140.4702.777.567-637.097

La diminuzione dei costi delle materie prime è da collegare alle dinamiche delle aree d’affari energetiche già commentate nella nota 4 sui ricavi.

Nella tabella che segue Il valore relativo all’anno 2009 è stato riesposto ai fini comparativi per riflettere l’applicazione dell’interpretazione dell’ifric 12 e per migliorare il confronto tra i due esercizi.

  2009 pubblicatoriclassifica2009 riclassificato
Energia elettrica destinata alla vendita1.814.17221.4131.835.585
Oneri e proventi da valutazione certificati0-21.413-21.413
Materiali per la manutenzione:gestione e ricambi al netto
delle variazioni delle scorte - classificazione Ifrci 12
49.2082.70251.910
Totale 1.863.3802.7021.866.082

Per l’analisi dell’andamento dei costi delle materie prime e dei materiali di consumo si rinvia alle informazioni riportate nella relazione sulla gestione, mentre per la voce “Oneri e proventi da derivati” si rinvia alla nota 22 dello stato patrimoniale.

Di seguito sono commentate le variazioni più significative rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

“Energia elettrica destinata alla vendita” la  diminuzione registrata nell’esercizio 2010 è già stata commentata nella corrispondente nota sui Ricavi.

Tale voce include il costo per l’acquisto di certificati bianchi, verdi e grigi per  26.671 migliaia di euro (28.273 migliaia di euro il 31 dicembre 2009), in particolare i certificati:

  • grigi, 5.462 migliaia di euro (3.622 migliaia di euro al 31 dicembre 2009)
  • verdi, 9.250 migliaia di euro (18.696 migliaia di euro al 31 dicembre 2009)
  • bianchi, 11.959 migliaia di euro (euro 5.955 migliaia di euro al 31 dicembre 2009)

“Oneri e proventi da valutazione certificati”,  accoglie le risultanze della  valutazione dei certificati :

  • verdi, per 11.276 migliaia di euro (19.892 migliaia di euro al 31 dicembre 2009)
  • grigi , per  2.157 migliaia di euro (1.521 migliaia di euro al 31 dicembre 2009).