logo di stampa italiano
 

7 Costi per servizi

 
 20102009Variazioni
Spese per lavori e manutenzioni253.600260.807-7.207
Servizi di trasporto, smaltimento e raccolta rifiuti169.457159.5829.875
Vettoriamento e stoccaggio135.789103.58932.200
Canoni corrisposti ad enti locali69.48673.542-4.056
Prestazioni professionali legali, tributarie e organizzative23.07121.8201.251
Servizi informativi ed elaborazione dati19.37911.1908.189
Affitti e locazioni passive18.60718.56146
Servizi tecnici17.61414.0683.546
Postali, recapiti e telefonici15.47016.192-722
Selezione personale, formazione ed altre spese del personale11.71310.822891
Assicurazioni11.25313.174-1.921
Oneri e commissioni per servizi bancari7.5937.436157
Annunci, inserzioni, pubblicità e contenziosi7.2386.0321.206
Letture contatori5.0975.259-162
Compensi a Sindaci, Amministratori, Comitati territorio5.0225.299-277
Servizi di pulizia e vigilanza4.5755.379-804
Analisi di laboratorio3.8983.569329
Canoni passivi3.8953.108787
Utenze industriali (acqua, metano, calore ed energia elettrica)3.2603.354-94
Trasporti1.8212.170-349
Altri costi per servizi22.90420.3052.599
Totale810.742765.25845.484

Il valore relativo all’anno 2009 è stato riesposto ai fini comparativi come precisato al paragrafo iniziale  delle presenti note.

Di seguito si riportano le riclassifiche effettuate su alcune voci rispetto a quanto riportato per l’’esercizio 2009

 2009 pubblicatoriclassifica2009 riclassificato
Spese per lavori e manutenzione128.992 128.992
Spese per lavori e manutenzione  - realizzazioni impianti fra imprese del Gruppo021.85921.859
Spese per lavori e manutenzione  -classificazione Ifric 120109.956109.956
Totale  Spese per lavori e manutenzione128.992131.815260.807

Di seguito sono  commentate le variazioni più significative rispetto all’esercizio precedente:

“Servizi di trasporto, smaltimento e raccolta rifiuti”, l’incremento è imputabile ai maggiori servizi ambientali prestati ad alcuni Comuni. A tale incremento dei costi ha peraltro fatto seguito un aumento di ricavi attraverso gli opportuni riconoscimenti in tariffa (Tia).

“Vettoriamento e stoccaggio”, l’incremento è imputabile ai maggiori volumi di energia elettrica venduti su reti di terzi.

“Canoni corrisposti agli enti locali”, la diminuzione  rispetto all’esercizio precedente è data principalmente dai  minori canoni corrisposti a:

  • Con.Ami  per il servizio gas per 934 migliaia di euro
  • Comune di Bologna per canoni relativi al  servizio fognatura per 2.384 migliaia di euro.

“Servizi tecnici”, il significativo incremento rispetto all’esercizio precedente è dovuto principalmente ad una diversa classificazione di costi sempre in relazione all’applicazione dell’Ifric 12.

“Servizi informativi ed elaborazioni dati”, l’incremento per 8.189 migliaia di euro è dovuto principalmente ad una riesposizione di costi per servizi di telefonia verso altri operatori ( nel 2009 tali costi erano classificati tra gli  “affitti e locazioni passive”).